DOP, IGP e STG in fase di ag...

La qualità di un prodotto alimentare è determinata da molti fattori. Un alimento deve essere sicuro, sano, bello da vedere e buono da mangiare. A tutto questo si aggiungono però anche gli aspetti socio-economici legati alla cultura, alla tradizione ed al territorio dal quale proviene. Negli ultimi anni è cresciuta l´importanza data a questi ultimi aspetti e con essa è aumentato l´interesse dei consumatori verso i prodotti tipici. Dal 1992 questi prodotti sono disciplinati da una apposita normativa europea.

L´Unione Europea ha tutelato le produzioni legate al territorio con l´introduzione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche (Reg. CE 2081/92). Con l´uso esclusivo di queste denominazioni, il consumatore è difeso dalle frodi sulla provenienza effettiva dei prodotti e i produttori dalla concorrenza sleale delle imitazioni.  Contemporaneamente la normativa spinge i produttori ad ottenere un prodotto speciale che risponda a precisi standard di qualità.

  • La DOP (Denominazione di origine protetta) garantisce al consumatore che tutte le materie prime utilizzate provengono da una determinata area geografica. Nella stessa zona devono avvenire tutte le fasi della lavorazione descritte in dettaglio in un documento detto disciplinare. L´ambiente geografico comprende i fattori naturali (microclima) ed umani (conoscenze e tecniche locali) che combinati permettono di ottenere un prodotto inimitabile al di fuori della zona di origine.
  • IGP (Indicazione geografica protetta) è meno vincolante della DOP è sufficiente infatti che solo una parte della materia prima o alcune fasi della lavorazione (produzione, trasformazione, stagionatura, etc.) avvengano in un´area geografica delimitata. Da questo legame territoriale dipendono però una o più specifiche caratteristiche di qualità che determinano la fama del prodotto. Come per la DOP, anche in questo caso deve essere rispettato un disciplinare di produzione.
  • La STG (Specialità tradizionale garantita) riguarda i prodotti fatti rispettando una ricetta tradizionale tipica. è il metodo di produzione, e non la zona di origine, che contraddistingue il prodotto. Per utilizzare il marchio STG è sufficiente rispettare il disciplinare e che il luogo di produzione e l´origine delle materie prime siano all´interno dell´Unione Europea.

Elenco prodotti DOP, IGP e STG  iscritte nel Registro delle denominazioni di origine protette, delle indicazioni geografiche protette e delle specialità tradizionali garantite (Regolamento UE n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012), aggiornato al 6 settembre 2017, tratto dal sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

In particolare i prodotti riconosciuti DOP , IGP e STG del Trentino alla data del 6 settembre 2017 sono:

Asiago DOP

 

Garda DOP

Grana Padano DOP

 

Mela Val di Non DOP

Spressa delle Giudicarie DOP

Susina di Dro DOP

Provolone Valpadana DOP

Puzzone di Moena/SpretzTzaorì DOP

Mortadella Bologna IGP

Salmerino del Trentino IGP

Trote del Trentino IGP

Mozzarella STG

Pizza napoletana STG

Allegati

Ultimo aggiornamento: 2017-09-14 14:14


Condividere