Per iniziare

staccionata

Quando un agricoltore decide di avviare l´attività di coltivazione o di allevamento secondo il metodo Biologico, deve effettuare i seguenti adempimenti:

  • verificare i dati presenti nel proprio Fascicolo Aziendale ed eventualmente aggiornarli, se non si dispone di Fascicolo Aziendale costituirlo presso un CAA (Centro di assistenza agricola) autorizzato. I preparatori esclusivi devono contattare APPAG (Agenzia provinciale per i pagamenti) per costituire il Fascicolo Aziendale per la sola parte anagrafica;
  • scegliere uno degli Organismi di Controllo, operanti in Provincia di Trento e autorizzati dal Ministero delle Politiche Agricole, per valutare l´idoneità dell´azienda a coltivare con il metodo biologico, eseguire i necessari controlli e rilasciare le certificazioni relative alle produzioni agricole, ai prodotti trasformati e a quelli importati, qualora in sintonia con le normative vigenti;
  • notificare, mediante procedura on-line sul sito www.sian.it, presso il CAA di riferimento del Fascicolo Aziendale, o tramite i Soggetti liberi professionisti muniti di apposita delega, l'impegno dell'azienda a produrre secondo il metodo biologico. Tramite gli stessi soggetti, è anche possibile compilare il PAP (Piano annuale di Produzione) in maniera informatizzata. Al termine della procedura di compilazione della notifica, il SIB (Sistema Informativo biologico) attribuisce automaticamente un numero univoco di identificazione. Ne consegue l'avvio della fase istruttoria del procedimento amministrativo e dell´attività di controllo da parte dell´Organismo di Certificazione, indicato dall'operatore in notifica. Dal momento della notifica l'azienda deve osservare il metodo di produzione Biologico così come previsto dalla specifica normativa, sulle superfici, per gli allevamenti e gli stabilimenti notificati.

Con la notifica per l'azienda inizia il periodo di transizione chiamato conversione. Esso è il periodo più delicato per la vita dell'azienda in quanto, durante tale fase possono emergere problematiche che devono essere affrontate unicamente con i mezzi consentiti dal metodo biologico. Il periodo di conversione varia da 1 anno per i pascoli a 2 anni per le coltivazioni annuali ed i prati, a 3 anni per le colture perenni. Superato il periodo di conversione l'azienda è a tutti gli effetti azienda biologica e le proprie produzioni possono venire certificate. Vengono definite aziende miste quelle aziende che attuano talune coltivazioni con il metodo biologico ed altre con il metodo convenzionale.

 

 

Allegati

Ultimo aggiornamento: 2017-01-03 11:03


Condividere